La respirazione a narici alternate

La respirazione a narici alternate – Nadi Sodhana Pranayama

Respirate dalle due narici in maniera uguale? Probabilmente no, nella maggioranza dei casi una narice risulta, infatti, predominante rispetto all’altra e il primato cambia diverse volte durante il giorno. Un ciclo nasale fisiologico dura un arco di tempo che va dalle due alle quattro ore e al termine la narice predominante cede il posto all’altra, in attesa del prossimo cambio. 

Una tecnica di respirazione yoga molto diffusa e semplice da imparare si fonda proprio su questa alternanza. Parliamo di Nadi Sodhana Pranayama, la respirazione a narici alternate che pulisce i nostri canali energetici coinvolti nella respirazione aiutandoci ritrovare calma ed equilibrio. 

Come si pratica la respirazione a narici alternate?

Siediti comodo

Per praticare questa respirazione calmante siediti comodo, sul materassino o su una sedia. Fondamentale, in ogni caso, è mantenere la schiena ben dritta, protesa verso l’alto, in modo da favorire il respiro. Se scegli il materassino puoi sederti a gambe incrociate, magari su un cuscino yoga per stare comodo, evitando così di pensare alla postura per concentrarti sul respiro. Puoi anche sederti nella posizione del diamante o del tuono (Vajrasana) se la trovi comoda (personalmente l’adoro). In questo caso puoi sederti con le caviglie sotto i glutei allungando la spina dorsale verso il cielo. Qualsiasi sia la tua posizione preferita, lascia le braccia morbide sulla ginocchia e inizia a inspirare ed espirare profondamente acquisendo consapevolezza del tuo respiro.

Sistema le dita in posizione

Quale narice è predominate? Puoi iniziare l’esercizio con quella predominante, ma se non riesci a individuarla non c’è problema, puoi partire inspirando dalla narice sinistra tappando la destra.  Immaginiamo, quindi, di iniziare la pratica chiudendo la narice destra. 

Con la mano destra esegui il Nasagra Mudra, in termini molto semplici piega indice e medio tenendo dritti e anulare e mignolo (cercando di mantenerli uniti il più possibile). 

Inizia a respirare e inspirare

Ora chiudi con il polpastrello del pollice la narice destra e avvicina anulare e mignolo alla narice sinistra. 

Inspira in maniera naturale dalla narice sinistra contando mentalmente fino a 5. 

Chiudi la narice sinistra con l’anulare e libera la destra in modo da espirare contando sempre fino a 5. 

Ora inspira dalla narice destra (sempre contando 5) ed espira dalla sinistra. 

Continua ad alternare ripetendo il ciclo per una decina di volte. Poi, quando avrai acquisito dimestichezza, potrai aumentare progressivamente il numero di cicli, ma inizialmente non esagerare.

La respirazione a narici alternate è molto semplice da praticare e puoi apportare diverse modifiche. Ad esempio, puoi allungare le fasi inspiratorie ed espiratorie. 5 tempi è un’indicazione generale, ma se te la senti puoi aumentarli tranquillamente o, al contrario, ridurli se percepisci uno sforzo eccessivo.

Puoi, inoltre, modificare la posizione delle mani, appoggiando l’indice sul terzo occhio, se in questo modo ti senti a tuo agio.

Per concludere, una curiosità. Potrebbe esistere un legame tra la respirazione e gli emisferi cerebrali. In particolare la respirazione dalla narice sinistra sarebbe collegata al linguaggio, mentre dalla destra vi sarebbe un legame con la creatività.